Un cuore che ascolta

A volte, quando si inaugura un nuovo sito web, sento una specie di vertigine è come si sentissi dei brividi perché sto per assistere alla deposizione di una nuova tomba nell’immenso cimitero virtuale. Ci sono, purtroppo, tanti buoni propositi che hanno dato origine ad iniziative lodevoli che, però, sono finiti nel dimenticatoio della rete. Perché iniziare, dunque, una nuova pagina sulla predicazione quando già ci sono tante altre?

Penso che, innanzitutto, si tratta di una risposta personale ad un vecchio anelito, alimentato dall’affettuosa richiesta di tanti alunni e amici.

La predicazione – e questo sito con essa – deve essere, prima di tutto, servizio, ministero. Non si tratta di sviluppare bei discorsi umani, ma di trasmettere meglio la fede che abbiamo ricevuto (I Cor 15:3). Il desiderio di migliorare la nostra predicazione non può essere frutto della vacua vanità ma deve nascere dall’aspirazione di servire meglio il nostro Signore ed i nostri fratelli. Believeandpreach.com sorge col desiderio di servire la Chiesa – come diceva San Josemaría – come la Chiesa desidera essere servita.

Oggi chiediamo il Signore, come Salomone, che ci conceda un cuore che sappia ascoltare (I Re 3: 5-9): Leb Shomea. L’ascolto del Signore è l’unico inizio possibile per un ministero che, in qualche modo, riproduce quello di Giovanni il Battista: bisogna che Egli cresca e che io diminuisca. (Gv. 3:30) Perché il Signore ci ha chiamati a preparare un popolo adatto ad ascoltare la sua voce. Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri (Lc. 3:4).

Dunque, prima di parlare del come migliorare la nostra oratoria, è necessario invitare ai nostri lettori ad affinare il cuore, ad eliminare il rumore interiore che tante volte blocca l’ascolto del divino Redentor. Come San Paolo raccomandava a Timoteo: prega, esercitati nella pietà, non trascurare il dono spirituale che è in te: veglia su te stesso e sul tuo insegnamento (I Tim 1:18-19; 2:1; 4:8; 4:14; 4:16). Fede, preghiera e testimonianza vissuta sono i requisiti antecedenti ad ogni predicazione.

E molto noto l’aneddoto del Santo Curato d’Ars quando entrava nella sua parrocchia e domandava a quel bambino: mostrami il cammino ad Ars ed io ti mostrerò il cammino al cielo. Noi dobbiamo imparare dal nostro popolo, ascoltarlo, chiedergli di mostrarci le difficoltà della loro vita e noi, carichi di queste intenzioni ci prostreremo in preghiera per domandare il Signore che cosa dobbiamo dire loro per mostrare il cammino al cielo. Senza un cuore che ascolta è difficile predicare.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *