Homepage

« Piacque a Dio di salvare i credenti per mezzo della stoltezza della predicazione ».

1 Cor. 1, 21

La predicazione è un dono che manifesta la fede cimentata nella preghiera e nella vita santa. La predicazione è un traboccare del cuore che non riesce a trattenere l’amore che Dio gli ha donato. «Non è infatti per me un vanto predicare il vangelo; è un dovere per me: guai a me se non predicassi il vangelo!» (1 Cor. 9,16)

Allo stesso tempo, la predicazione è un compito, un ministero che dobbiamo coltivare. «Per divenire un omileta efficace non è necessario essere un grande oratore. Naturalmente, l’arte oratoria o di parlare in pubblico, compreso l’uso appropriato della voce e persino del gesto, contribuisce all’efficacia dell’omelia. (…) L’essenziale è che l’omileta ponga la parola di Dio al centro della propria vita spirituale, conosca bene il suo popolo, rifletta sugli avvenimenti del suo tempo, cerchi incessantemente di sviluppare quelle capacità che lo aiutino a predicare in maniera appropriata e soprattutto che, cosciente della propria povertà spirituale, invochi nella fede lo Spirito Santo quale principale artefice nel rendere docile ai divini misteri il cuore dei fedeli.» (Direttorio Omiletico, 3)

Predicazione

“…il predicatore deve intingere la sua penna nel sangue del suo cuore; solo così potrà arrivare anche all’orecchio del suo prossimo”.

San Gregorio Magno, Omelie su Ezechiele.

Vogliamo offrire in questa sezione una serie di riflessioni e documenti atti a stimolare il desiderio di migliorare nel ministero della Parola. Questa area è suddivisa in tre sezioni:

  • Storia: questa pagina non è wikipedia. Lo scopo è raccogliere a poco a poco, alcune indicazioni sulla storia sia della predicazione in sé stessa, sia della storia della teologia sulla predicazione.
  • Documenti: questa parte raccoglie un indice delle principali fonti giuridiche e liturgiche che regolano l’Ars Prædicandi.
  • Risorse per la predicazione: Speriamo che, con il tempo, questa sezione diventi una biblioteca di sussidi utili per adornare / argomentare meglio le nostre prediche.

Formazione

“La formazione permanente è destinata a far crescere nel sacerdote la coscienza della sua partecipazione alla missione salvifica della Chiesa. Nella Chiesa « missione » la formazione permanente del sacerdote entra non solo come necessaria condizione, ma anche come mezzo indispensabile per rimettere costantemente a fuoco il senso della missione e per garantirne una realizzazione fedele e generosa. Con tale formazione il sacerdote è aiutato ad avvertire tutta la gravità, ma nello stesso tempo la splendida grazia, da un lato, di un’obbligazione che non lo può lasciare tranquillo — come Paolo deve poter dire: « Per me evangelizzare non è un titolo di gloria, ma un dovere. Guai a me se non predicassi il Vangelo! » (1 Cor 9, 16) — e, dall’altro lato, di una richiesta, esplicita o implicita, che prepotente viene dagli uomini, che Dio instancabilmente chiama alla salvezza.

Solo un’adeguata formazione permanente riesce a sostenere il sacerdote in ciò che è essenziale e decisivo per il suo ministero, ossia la fedeltà, come scrive l’apostolo Paolo: « Ora, quanto si richiede negli amministratori (dei misteri di Dio) è che ognuno risulti fedele »(1 Cor 4, 2). Il sacerdote dev’essere fedele, nonostante le più diverse difficoltà incontrate, anche nelle condizioni più disagiate o di comprensibile stanchezza, con tutte le energie di cui dispone, e sino alla fine della vita. La testimonianza di Paolo dev’essere di esempio e di stimolo per ogni sacerdote: « Da parte nostra — scrive ai cristiani di Corinto — non diamo motivo di scandalo a nessuno, perché non venga biasimato il nostro ministero; ma in ogni cosa ci presentiamo come ministri di Dio, con molta fermezza nelle tribolazioni, nelle necessità, nelle angosce, nelle percosse, nelle prigioni, nei tumulti, nelle fatiche, nelle veglie, nei digiuni; con purezza, sapienza, benevolenza, spirito di santità, amore sincero; con parole di verità, con la potenza di Dio; con le armi della giustizia a destra e a sinistra; nella gloria e nel disonore, nella cattiva e nella buona fama. Siamo ritenuti impostori, eppure siamo veritieri; sconosciuti, eppure siamo notissimi; moribondi, ed ecco viviamo; puniti ma non messi a morte; afflitti, ma sempre lieti; poveri, ma facciamo ricchi molti; gente che non ha nulla e invece possediamo tutto » (2 Cor 6, 3-10).”

San Giovanni Paolo II, Pastores dabo vobis, 75

Risorse all’interno di questa sezione:

Notizie

Resi e rimborsi: quando sono i fedeli a lamentarsi dell’omelia

Penso che tutti abbiamo l’esperienza di passare un pomeriggio in un grande magazzino facendo shopping. A volte, siamo distratti e, forse, per colpa propria acquistiamo qualcosa di cui dopo ci pentiamo e ci tocca soltanto sopportare la nostra cattiva scelta ed imparare dal nostro errore. Qualcosa completamente diverso si dà quando abbiamo comprato un certo …

Un cuore che ascolta

A volte, quando si inaugura un nuovo sito web, sento una specie di vertigine è come si sentissi dei brividi perché sto per assistere alla deposizione di una nuova tomba nell’immenso cimitero virtuale. Ci sono, purtroppo, tanti buoni propositi che hanno dato origine ad iniziative lodevoli che, però, sono finiti nel dimenticatoio della rete. Perché …

Ritrovare San Paolo come patrono dei predicatori. Festeggiare 100 anni dell’enciclica sulla predicazione.

Questo prossimo 15 giugno si compiono 100 anni della pubblicazione dell’unica enciclica dedicata per intero alla predicazione: la Humani Generis Redemptionem, di Papa Benedetto XV. Ti invitiamo a rileggere questa bellissima pagina. È vero che tante cose sono cambiate in 100 anni, soprattutto, c’è stato il Concilio Vaticano II, che ha esteso le facoltà di …

Chi siamo

Enjoying priesthood!

Sergio Tapia-Velasco è un sacerdote messicano incardinato nella Prelatura dell’Opus Dei. È stato ordinato nel 1998.

Da oltre 18 anni don Sergio si dedica alla Comunicazione Istituzionale della Chiesa Cattolica. È professore di Public Speaking e Media Training presso la Pontificia Università della Santa Croce. Ha un ampia esperienza nella selezione e formazione dei candidati al sacerdozio e nell’accompagnamento spirituale e professionale di sacerdoti di tutto il mondo.