Formazione sacerdotale

«”Non iam dicam servos, sed amicos” – “Non vi chiamo più servi ma amici” (cfr Gv 15,15). A sessant’anni dal giorno della mia Ordinazione sacerdotale sento ancora risuonare nel mio intimo queste parole di Gesù, che il nostro grande Arcivescovo, il Cardinale Faulhaber, con la voce ormai un po’ debole e tuttavia ferma, rivolse a noi sacerdoti novelli al termine della cerimonia di Ordinazione. Secondo l’ordinamento liturgico di quel tempo, quest’acclamazione significava allora l’esplicito conferimento ai sacerdoti novelli del mandato di rimettere i peccati. “Non più servi ma amici”: io sapevo e avvertivo che, in quel momento, questa non era solo una parola “cerimoniale”, ed era anche più di una citazione della Sacra Scrittura. Ne ero consapevole: in questo momento, Egli stesso, il Signore, la dice a me in modo del tutto personale. Nel Battesimo e nella Cresima, Egli ci aveva già attirati verso di sé, ci aveva accolti nella famiglia di Dio. Tuttavia, ciò che avveniva in quel momento, era ancora qualcosa di più. Egli mi chiama amico. Mi accoglie nella cerchia di coloro ai quali si era rivolto nel Cenacolo. Nella cerchia di coloro che Egli conosce in modo del tutto particolare e che così Lo vengono a conoscere in modo particolare. Mi conferisce la facoltà, che quasi mette paura, di fare ciò che solo Egli, il Figlio di Dio, può dire e fare legittimamente: Io ti perdono i tuoi peccati. Egli vuole che io – per suo mandato – possa pronunciare con il suo “Io” una parola che non è soltanto parola bensì azione che produce un cambiamento nel più profondo dell’essere. So che dietro tale parola c’è la sua Passione per causa nostra e per noi. So che il perdono ha il suo prezzo: nella sua Passione, Egli è disceso nel fondo buio e sporco del nostro peccato. È disceso nella notte della nostra colpa, e solo così essa può essere trasformata. E mediante il mandato di perdonare Egli mi permette di gettare uno sguardo nell’abisso dell’uomo e nella grandezza del suo patire per noi uomini, che mi lascia intuire la grandezza del suo amore. Egli si confida con me: “Non più servi ma amici”. Egli mi affida le parole della Consacrazione nell’Eucaristia. Egli mi ritiene capace di annunciare la sua Parola, di spiegarla in modo retto e di portarla agli uomini di oggi. Egli si affida a me. “Non siete più servi ma amici”: questa è un’affermazione che reca una grande gioia interiore e che, al contempo, nella sua grandezza, può far venire i brividi lungo i decenni, con tutte le esperienze della propria debolezza e della sua inesauribile bontà.»

Papa Benedetto XVI, 29 giugno 2011

Documenti magisteriali

Articoli interessanti

Risorse online per la formazione sacerdotale

  • Collationes
    • Documenti su liturgia, morale, direzione spirituale e altro.
    • Lingua: la stragrande maggioranza degli articoli è in spagnolo. Ci sono alcuni documenti in italiano.
  • Augustinus
    • Portale con l’opera omnia di sant’Agostino – testi in italiano, spagnolo, inglese e francese.
  • Corpus Thomisticum
    • Opera omnia di san Tommaso d’Aquino – testi originali in latino.
  • Philosophica
    • Enciclopedia filosofica in spagnolo on-line curata da due professori della Santa Croce (Francisco Fernández Labastida e Juan Andrés Mercado).
  • Etica e Politica
    • Portale di alcuni professori di Etica e Morale della Santa Croce.
  • St. Paul Center for Biblical Theology
    • Portale del centro di Ricerca del prof. Scott Hahn
  • De Libris: En busca de buenas lecturas
    • Portale in spagnolo e inglese con recensioni su romanzi e libri di scienze umanistiche.
  • Gli scritti
    • Portale italiano curato dall’Ufficio Catechistico del Vicariato di Roma